ANCI: Al via la raccolta di indumenti per la popolazione ucraina nelle Marche e nelle altre regioni italiane

Prosegue l’impegno dell’Anci a favore della popolazione ucraina afflitta dalla guerra e, a seguito dell’incontro avvenuto nella città ucraina di Leopoli tra una delegazione di 30 sindaci italiani e 30 sindaci ucraini, il lavoro di solidarietà continua ed entra nel vivo attraverso l’iniziativa “Comuni Italiani e Ucraini, Città Solidali” – Raccolta indumenti per Emergenza Ucraina.

Si tratta di un intervento solidale di somma urgenza di cui le Anci REGIONALI si fanno promotrici sensibilizzando I COMUNI, le associazioni di categoria DELLA FILIERA DEL TESSILE E DEL mondo del commercio a raccogliere indumenti nuovi (cappotti, maglioni, calze, pantaloni, scarpe) che verranno inviati mediante un convoglio ORGANIZZATO DAL MEAN (MOVIMENTO EUROPEO DI AZIONE NON VIOLENTA) che DOVREBBE PARTIRE per l’Ucraina PRIMA DI NATALE.

 

“Non c’è tempo da perdere – dice Marcello Bedeschi, coordinatore Nazionale dei Direttori e Segretari delle Anci Regionali – e grazie alla collaborazione di tutti i partner del Progetto MEAN CHE È IN COSTANTE CONTATTO con la Fondazione Ucraina  ACT FOR UKRAINA, e la partecipazione del Coordinamento delle Anci Regionali, contiamo di contribuire a raccogliere questo INDUMENTI che contribuiranno a sostenere la popolazione civile provata dalla guerra”.

“La raccolta – ricorda Bedeschi – sarà coordinata dalle singole Anci Regionali sui rispettivi territori, ma riguarderà, come detto, POSSIBILMENTE solo le aziende produttrici di indumenti e il mondo della DISTRIBUZIONE COMMERCIALE.

 

Durante la recente XXXIX Assemblea Nazionale ANCI di Bergamo a cominiciare dall’intervento iniziale del Presidente Antonio Decaro a cui hanno fatto seguito le accorate sollecitazioni del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e del Presidente della CEI Cardinale, Matteo Zuppi, oltre alle numerose sollecitazioni dei Ministri e dei Sindaci intervenuti nel corso dell’Assemblea specie nel panel finale dedicato all’Ucraina, si è chiesto di realizzare “ponti di collaborazione” tra Comuni al fine di rispondere alle esigenze immediate della popolazione ucraina nonchè a quelle legate alla ricostruzione.

 

“A questa prima operazione di raccolta indumenti – conclude Bedeschi – seguiranno altre iniziative dedicate al sostegno della popolazione civile e per le quali Anci si fa promotrice e garante. C’è tanto da fare”.

Altri articoli 

27 gennaio: facciamo memoria delle donne vittime di violenza

La storia di Grete Schattner, una...

Corpi civili di pace, firma anche tu

È partita la raccolta di firme...

Ucraina: da Cernusco e Riano un tir di beni per l’emergenza inverno

Iniziata a dicembre 2023, la raccolta...

Angelo Moretti: dall’Ucraina un appello per la pace nel mondo

“A vedere le immagini che arrivano...

Azione cattolica: le vacanze con 50 ragazzi ucraini

Dal primo al sette gennaio una...

Ucraina, un anno di azione non violenta: ecco cosa è stato fatto

Il Mean, movimento europeo di azione...